Blog

Sanità e forza lavoro: le prossime sfide contro il calo demografico



In Lombardia siamo ormai prossimi alle elezioni Regionali. Un nuovo anno con problemi vecchi. Gli effetti dell’invecchiamento, sotto ogni profilo, sono alquanto evidenti. Longevità e crollo della natalità sono ormai una costante. Cambiano le abitudini nel consumo, nella spesa e nella tenuta del sistema socio/economico sia come capacità produttiva e nel welfare. L’impatto sulla spesa per consumi muta con la diminuzione della dimensione delle famiglie ma anche per effetto della diversa ricchezza tra generazioni e come conseguenza dello spopolamento. 

Cosa fare per non subire, o comunque limitare, le conseguenze negative sul nostro benessere/futuro? Con la ripresa delle nascite? Condizione si necessaria ma non sufficiente. Il Comitato Civico Viva Mantova si è già più volte espresso con alcune indicazioni: migliorare la formazione di base e l’acquisizione di competenze nelle nuove generazioni anche attraverso politiche di risorse territoriali ed ecosostenibili; investire a favore di imprese solidamente inserite nel mercato del lavoro; gestire flussi migratori rispetto alle possibilità di integrazione dinamica nel nostro modello sociale territoriale.

Un minor dinamismo economico prodotto dalla mancanza di forza lavoro e di energie giovanili, porterebbe ad una perdita rilevante dei consumi, peraltro già soppiantati in larga misura dal consumo di prodotti elettronici e dall’e-commerce e a danno dei negozi tradizionali. Lo spopolamento porta alla chiusura inevitabile di negozi e di servizi. Per la città di Mantova una grande opportunità di crescita sembrerebbe esserci nel settore del turismo. Ma servono progetti lungimiranti ad oggi latenti. Domanda e offerta corrono appaiate. Mantova con il suo patrimonio storico e artistico potrebbe rinascere con l avanzare di un progetto di città turistica capace di valorizzare la cultura, la storia, la tradizione di un territorio sfruttando tecnologie innovative. Dare risalto al territorio, alle sue peculiarità e alle caratteristiche storico-artistiche, paesaggistiche, culturali e di intrattenimento. Occorrerebbe puntare molto sul settore dei pensionati, non soggetti alle limitazioni stagionali. Pure il sistema immobiliare ha subito effetti devastanti: sia per la qualità della vita delle giovani generazioni, sia per i risparmi delle generazioni più anziane, sia infine per la stabilità del sistema bancario che finanzia il settore e di quello assicurativo. La crescita dell’incidenza degli anziani ovviamente ha significato più spesa sanitaria, visto che la spesa sanitaria per persona cresce molto fortemente con l’età. Il costo non è solo quello medico in senso stretto ma anche di sostegno e accompagnamento per persone diventate fragili o non più autosufficienti, anche per malattie croniche o degenerative, coinvolgendo non solo ospedali, cliniche, e case di riposo, ma anche badanti private e assistenza domiciliare di vario tipo. Per le persone più fragili, questa situazione ha significato un accesso razionato alla sanità pubblica.

Questa politica di razionalizzazione ha concentrato le risorse su di un minor numero di ospedali più grandi e in grado di offrire l’insieme dei servizi sanitari necessari, riducendo posti letto e tempi di degenza, puntando sul day hospital. Altro problema di non poco conto la scarsità di medici, a seguito di decenni di numero chiuso nelle facoltà mediche rispetto agli aspiranti professionisti sanitari.

Tale politica era dettata dal timore di produrre troppi medici disoccupati, ma oggi, a fronte di un inaspettata emergenza pandemica questa politica si sta rivelando controproducente. Il blocco delle assunzioni pubbliche per anni e l’ondata di pensionamenti ha prodotto una carenza di medici di famiglia e carichi di lavoro straordinari per il personale di tutte le strutture sanitarie.



L’anziano …una risorsa ineludibile

Quanto si è detto sugli anziani e sulla loro fragilità nel corso di questo pandemonio virus pandemico. Mi sovviene quella frase ...


La salvaguardia del bene comune e dei servizi pubblica utilità

Leggo ora dal quotidiano la Gazzetta di Mantova sullapredisposizione di un bando per la delocalizzazione di certificazioni anagrafiche ...


I medici di famiglia e il ruolo delle USCA

E’ ormai un dire di tutti. Ne parlano i TG e la stampa a tutti i livelli. Per alleviare il ...