Blog

La stretta governativa alle riaperture


Come Comitato Civico Viva Mantova corre d’obbligo citare l’incomprensibile stretta alle riaperture di ristoranti in particolare la distanza imposta nei locali al chiuso, due metri.

Inapplicabile per decine di ristoranti, il 60% dei quali non ha uno spazio esterno, e praticamente per tutti i bar e anche dove fosse fisicamente possibile implementare la misura, si ridurrebbe drasticamente la capacità di lavoro dei locali al chiuso, obbligandone la chiusura definitiva.

A oggi si parla appunto di riapertura subordinata all’utilizzo di spazi esterni, e al rispetto di una distanza di due metri al chiuso, che si unisce all’obbligo di indossare le mascherine quando non si sta mangiando e di avere menù in versione digitale o plastificata per consentire la sanificazione e si ripropone il problema che già si era posto ovvero agli spazi a disposizione.

A Mantova come credo in molte altre località cittadine, laddove la crisi ha ulteriormente aggravato i consumi, non tutti i ristoranti hanno infatti la possibilità di garantire due metri di distanza tra i tavoli, con il rischio di dover ridurre drasticamente i coperti e di tenere aperto per servire una manciata di persone.

Idem vale anche per i bar, le gastronomie, le pasticcerie e tutti quei locali aperti al pubblico per il consumo di cibo e bevande. Per non parlare poi di Cinema e Teatri la cui riduzione posti e gli obblighi imposti all’utenza svilisce e demotiva gestori e concittadini.



Riformare la scuola

Oggi come oggi la laurea è diventata il nuovo diploma. Senza la laurea trovare lavoro diventa molto più difficile. O forse ...


Un Natale da dimenticare

Si prospetta un Natale in pieno lockdown a causa del Covid. Ciò impone di starsene sdraiati in salotto con un ...


Flash Mob - Stop rete 5G a Mantova

SABATO 20 GIUGNO - ore 17 - Piazza Martiri di Belfiore